Alp. Giovanile

Alpinismo Giovanile. This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Maltrainsem

Escursionismo

Escursionismo

Attivita'

Sci di Fondo

Sci di FondoI

Attivita'

Valle del Seveso

Valle del Seveso

Scuola Intersezionale di
Alpinismo e Sci Alpinismo

Regolamento Rifugi

L'uso del sacco lenzuolo è OBBLIGATORIO per il pernottamento in Rifugio

L'utilisation d'un drap de couchage personale est OBLIGATOIRE pour passer la nuit dans le Refuge

Ein personalicher herberg-sack ist BEI der ubernachtung in der Hutte zu benutzen

The use of a personal sleeping sheet is COMPULSORY for the overnight stay in Refuge

Regolamento Rifugi CAI

RIFUGIO BOSIO-GALLI - 2086 m.

Coordinate GPS : E. 9°77'69"32  - N. 46°23'72"80 (da  www.rifugi.servizirl.it)

LOMBARDIA - VALMALENCO

Apertura : 01 giugno / 30 settembre
Locale invernale : 6 posti sempre aperto
Posti letto : 50
Telefono Rifugio : 0342-451655 - mail : This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Sezione di Desio del C.A.I. : This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Mobile : (+39)347.3626860
Accesso : da Chiesa in Valmalenco o da Torre S. Maria, sentieri segnalati
Destinazione interessante anche per amanti delle montagna in bicicletta vedi "scheda di Lombardia in bici".

 Per chi può essere interessato, Il Rifugio Desio - 2830 m. - è  INAGIBILE. ATTENZIONE !! PERICOLO DI CROLLO.

Storia del rifugio

La Sezione lo intitolò al suo primo presidente Carlo Bosio.Foto rifugio Bosio/Galli E' una costruzione in muratura ingrandita nel 1958 e ampliata recentemente con un locale invernale sempre aperto, intitolato al compianto socio Dino Galimberti, dal 1998 è stato aggiunto al cognome Bosio, quello della figlia Anna Galli. E' una costruzione di due piani ed ha 50 posti letto. Il rifugio è punto di partenza della 2° tappa dell'Alta via della Valmalenco.

Accesso

I° itinerario: facile su sentiero - tempo ore 3
Da Chiesa Valmalenco si prende la carrozzabile che sale a Primolo, ma al primo tornante si lascia imboccando una strada a fondo naturale che porta ad un parcheggio. Più avanti la strada che sale all'Alpe Lago è chiusa da una sbarra e può essere percorsa solo da chi possiede l'autorizzazione. Conviene quindi seguire la vecchia mulattiera che risale un bellissimo bosco di grossi larici e di pini mughi. La mulattiera, seguendo in parte i pali della linea elettrica, entra nel vasto piano dell'Alpe Lago 1614 m., antico bacino lacustre con molte casette sparse ed una chiesetta (qui si giunge pure comodamente da Primolo per il sentiero). Il sentiero, sempre ben segnato, passa davanti alla chisetta dell'Alpe e, dopo averne contornato i prati, sale nel bosco di conifere alla sommità del costone che unisce l'Alpe Mastabia al Castellaccio ed entra nella Val Torreggio tagliando il ripido fianco sinistro idrografico della valle. Fuori del bosco, poco dopo aver incontrato il sentiero che sale da Torre S. Maria, si passa accanto alle baite dell'Alpe Airale 2097 m., infine, destreggiandosi tra grossi blocchi, si arriva ad un ponticello sul Torreggio, di la dal quale si raggiunge il Rif. Bosio-Galli a 2086 m.

II° itinerario: facile su sentiero - tempo ore 2
Entrati in Torre S. Maria, si attraversa la frazione di San Giuseppe e si prosegue per la strada silvo-pastorale che sale fino all'Alpe Piasci. Il percorso (9 km circa), non è dei più agevoli, ma si copre ugualmente anche con un automobile normale in circa 45 minuti. Posteggiata l'auto senza difficoltà si prosegue per una mulattiera che in 15 minuti porta al grande alpeggio dei Piasci. Puntando decisamente verso la destra del Rif. Cometti, si prende il sentiero che conduce al rifugio Bosio-Galli; una bella sbuffata di mezz'ora ci permette di superare il punto più ripido, ma ormai siamo a quota 1900 m., ed il più è fatto. Ora il sentiero si snoda tra una vegetazione particolarmente rigogliosa ed i torrenti che scendono dal monte Arcoglio che, salendo, è alla nostra sinistra, sono immersi in un paesaggio di rara bellezza. Il pino cembro, qui particolarmente presente e larici altissimi, di tanto in tanto lasciano spazio a grandi macchie pianeggianti, come l'Alpe Palù, regno del cervo e del ginepro. Ormai la vista imponente dei Corni Bruciati, del Pizzo Cassandra e l'impetuosità del torrente Torreggio ci assicurano che solo pochi minuti ci separano dal rifugio. E' trascorsa solo poco più di un'ora da quando abbiamo lasciati i Piasci, ma questa splendida natura può trasformare i minuti reali in secondi o in lunghe meravigliose ore.

Traversate

1) Al Rif. Desio al Passo di Corna Rossa, - facile su sentiero - ore 3;
2) All'Alpe Arcoglio e ai Piasci per l'Alpe Zana - facile percorso su sentiero con bellissima vista sul gruppo del Bernina - ore 1,30;
3) A Berbenno in Valtellina per il Passo Caldenno - ore 5,30;
4) Al lago Zana - facile su sentiero - ore 1.

Ascensioni

Monte Caldenno 2669 m.
Largo costone con buon panorama e di facilissimo accesso lungo il versante N per grandi e monotone rocce.

Corni d'Airale 2871 m. salita facile ora 1,45.
Sono due corni rocciosi che dominano da N il rifugio Bosio-Galli; offrono buone arrampicate e sono consigliabili per la loro vicinanza al rifugio. Dal rifugio si può anche salire, ma con molta fatica, alla profonda bocchetta tra i due corni principali per il gran pendio di sfasciumi, e scendere al di là su rocce monotone tra i laghetti superiori della Cassandra. (I laghetti della Cassandra sono cinque, tre grandi e due piccoli).

Al Sasso Bianco 2490 m. ora 1,30
Elevazione di modesto aspetto con bel panorama sui gruppi del Disgrazia, Bernina e Alpi Orobiche e, più nel fondo, sulla Valtellina. Dal Rif. Bosio-Galli precorrere l'ampia distesa di pascoli sotto il lago Zana, indi salire direttamente alla vetta per lente chine erbose.

Sci Alpinismo

Salita al Passo di Corna Rossa - Rifugio Desio 2836 m.
Dislivello: 750 m - ore 3 - Si percorre il lungo piano davanti al rifugio fino ad imboccare la valle Airale; seguendo il fondo valle si supera una strozzatura (tratto ripido) per ritrovarsi poco più sopra in un corto pianerottolo. Le rocce che si trovano in alto a sinistra, si superano seguendo la loro base (eventualmente togliere gli sci); nel caso però di buone condizioni di neve nella sovrastante parete, questa fascia rocciosa può anche essere superata dall'alto. La salita successiva al rifugio desio e al Passo di Corna Rossa, che è lì a pochi metri, non presenta nessuna difficoltà. Quest'itinerario, data la presenza di tratti ripidi, deve essere effettuato con neve sicura.

Salita al Passo di Corna Rossa - Rifugio Desio 2836 m.
Queste due cime possono essere facilmente raggiunte dal rifugio con un percorso intuitivo; basta per questo portarsi in fondo al piano davanti alla capanna, piegare a sinistra (passando per una grossa costruzione denominata 'baitone' a 2172 m. e raggiungere la sella quotata 2517 m. tra le due come (il percorso si svolge per una serie di dossi e vallette sui fianchi del Monte Caldenno).

Joomla Templates - by Joomlage.com