Alp. Giovanile

Alpinismo Giovanile.

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Maltrainsem

Escursionismo

Escursionismo

Attivita'

Valle del Seveso

Valle del Seveso

Scuola Intersezionale di
Alpinismo e Sci Alpinismo

Regolamento Rifugi

L'uso del sacco lenzuolo è OBBLIGATORIO per il pernottamento in Rifugio

L'utilisation d'un drap de couchage personale est OBLIGATOIRE pour passer la nuit dans le Refuge

Ein personalicher herberg-sack ist BEI der ubernachtung in der Hutte zu benutzen

The use of a personal sleeping sheet is COMPULSORY for the overnight stay in Refuge

Regolamento Rifugi CAI

 

Il Presidente ed i Soci della Sezione di Desio del Club Alpino Italiano,
comunicano con dolore l'improvvisa scomparsa di
Guido LOTTI,
uno dei gestori del Rifugio Bosio-Galli e da sempre amante delle sue montagne.


Ai famigliari le più sentite condoglianze.

 

 

MANUTENZIONE e Installazione Fotovoltaico COMPLETATA ! ! !

Il BIVACCO torna completamente disponibile per gli escursionisti da oggi 20 luglio.

Attività tutte eseguite come previsto e senza inconvenienti.

Le lampade installate sono state in funzione dalle 16:00 del 19 luglio fino alle 22:00 a seguire solo la lampada esterna è rimasta accesa: la lampada esterna rimane sempre accesa. Data la posizione del bivacco e della lampada sistemata sopra l'ingresso, la luce risulta ben visibile anche da lontano. Certi di aver fornito una funzionalità utile agli escursionisti che transiteranno dal bivacco, senza più dover utilizzare candele, speriamo che non ci siano atti di vandalismo a compromettere l'impianto. Per qualunque segnalazione di malfunzionamento chiediamo cortesemente di segnalarlo alla sezione CAI di Desio This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

 

Leggi tutto l'articolo Bivacco Regondi-Gavazzi - manutenzione 2016

Rifugio Bosio-Galli: DEGUSTAZIONE VINI e MUSICA

La sezione CAI di Desio e il Rifugio Bosio-Galii hanno presentato

  • SABATO 23/07 "ROSSI DI SERA":  degustazione di vini valtellinesi
  • DOMENICA 24/07 "SENTIERI SONORI": concerto di musica barocca in rifugio

" L'esperimento è riuscito - afferma Caludio Rovelli, presidente della sezione Cai Desio - il connubio di calici e note è senz'altro da ripetere: una partecipazione così calorosa ci fa ben sperare per gli anni futuri, e stiamo già pensandoall prossima occasione".

Eventi festosi molto ben riusciti,  di seguito alcune foto ed un volantino descrittivo.

Leggi tutto l'articolo Rifugio Bosio-Galli: DEGUSTAZIONE VINI e MUSICA

ex BIVACCO/PUNTO DI APPOGGIO ADRIANO SIRONI - 2066 m.

Alpe Lago di Matogno

ATTENZIONE: a partire dal 1-6-2015 questa struttura NON SARA' più in carico alla sezione CAI di Desio.

Caratteristiche

La struttura è stata realizzata ristrutturando una baita dell'Alpe Lago di Matogno, situata nell'alta Valle dell'Isorno, che si apre a nord-est di Domodossola, tra la Val Vigezzo e la Val d'Ossola. Bivacco Sironi
Al piano terreno si trova un locale soggiorno con stufa a legna (consigliabile procurarsela durante la salita) su cui è possibile cucinare, fornello a gas. Sempre al pian terreno è situato un dormitorio con otto posti su tavolato attrezzato con materassi, cuscini e coperte.
Al piano superiore (sottotetto) sono disponibili altri quattro posti letto sempre su tavolato con materassi, cuscini e coperte.
Il piano superiore ha un ingresso autonomo ed è sempre aperto. I locali del piano inferiore sono chiusi: le chiavi possono essere richieste a Montecrestese in frazione Roldo, presso la 'Locanda delle Alpi' (tel. 0324.232873).
L'acqua potabile è nelle immediate vicinanze, alla fontanella dell'alpe.

Accesso

Bivacco Sironi

L'accesso al rifugio avviene da Agarina (m. 1226), un alpeggio situato al termine della strada consortile che parte da Altoggio (frazione di Montecrestese). Per percorrere in auto la strada è necessario munirsi di un'autorizzazione rilasciata esclusivamente dal Comune di Montecrestese (aperto anche il Sabato mattino; tel. 0324.35729).Tuttavia va precisato che tale autorizzazione (costo € 5,00), viene concessa solo a gruppi organizzati (CAI o altri enti sportivi e ricreativi) e non ai singoli escursionisti. Il regolamento sull'uso della strada ed il modulo per richiedere l'autorizzazione sono scaricabili dal sito web del Comune di Montecrestese.
Da Agarina si segue il sentiero per il Lago Matogno, poco sotto il quale si trova l'Alpe Lago (2,30h da Agarina). Ci sono cartelli indicatori e segnavia; sull'ultima edizione della carta Kompass n. 89 (Domodossola) il percorso è individuato con discreta correttezza.

Escursioni e salite

Dal bivacco si può salire alla panoramica cima del Pizzo del Forno (m. 2696) in circa 1,30h. Il percorso più facile (difficoltà: E) è quello che segue la dorsale est dal Passo della Fria. Più impegnativa è la salita ai Pizzi del Lago Gelato che si alzano sopra l'omonimo lago con due cime di altezza pressochè uguale. La Cima Sud (m. 2614) si raggiunge superando un ripido canale (nevoso ad inizio di stagione) e poi percorrendo una crestina di roccette che presenta qualche passo esposto nell'ultima parte (difficoltà: F). La Cima Nord (m. 2613) si raggiunge salendo per ripidi canali alla sella tra le due cime e poi percorrendo la facile cresta sud (difficoltà: F). Entrambi gli itinerari partono dal Lago Gelato (m. 2400 circa), raggiungibile con una panoramica traversata che parte dal Lago Matogno, poco sopra il bivacco. Dal bivacco alla vetta occorrono circa 2,30h).
Una traversata interessante (difficoltà: E - mancano i segnavia) collega il bivacco Sironi al Rifugio Bonasson: raggiunto il Lago Gelato, si sale all'omonima bocchetta (m. 2441) e poi si scende dal versante opposto passando dall'Alpe Cavegna e raggiungendo il Rifugio Bonasson (m. 1946) all'Alpe Cortevecchio. Dal Rifugio Bonasson è possibile scendere ad Agarina, realizzando così un suggestivo percorso ad anello.

BIVACCO ANGELO E SECONDA CALDARINI - 2486 m.

****      ATTENZIONE EMERGENZA CORONAVIRUS       ****
**** BIVACCO NON SANIFICATO e pertanto INAGIBILE ****

Allegati:
Lettera del Presidente commissione Rifugi e Opere Alpine
Cartello di inagibilità del bivacco

 

Coordinate GPS WAGS84  : 46.470831 - 12.261872
(ulteriori riferimenti su http://www.diska.it/rifcaldarini.asp)

LOMBARDIA - ALTA VALTELLINA - VAL BORMINA
 
Sezione di Desio : This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Apertura : sempre aperto
Posti letto : 9
Accesso : da Arnoga (Val Viola Bormina) per un tratto su sterrato, poi su sentiero segnalato
Chi volesse dare un contributo libero per il soggiorno può utilizzare
il Codice IBAN
IT48V0344033100000000169226 (Banco Desio-filiale di Desio),
Causale: Bivacco Caldarini

Storia del bivacco

Il bivacco eretto una prima volta nel 1970.

Foto bivacco Caldarini

Accesso

Itinerario: tempo ore 1,30 - 2,45 facile su sentiero
Da Arnoga per la sterrata (chiusa al transito di automezzi) fino alla baita Altumeira ore 1,15. Dopo Altumeira sulla sinistra, si distacca una strada (a destra porta al Rif. Viola), che scende al torrente ed arriva sul versante opposto sino all'Alpe Dosde a 2129 m. Alla grossa malga dell'Alpe Dosde si prosegue verso S lungo il torrente Viola Bormina, in direzione dell'impressionante bastionata Cima Viola-Cima di lago Spalmo-Sasso di Conca il cui lato settentrionale, ghiacciato, incombe su tutta la zona. Riattraversato il torrente e sorpassata la baita, ci si mette su un sentiero che si interna sul pianeggiante fondo del vallone fino al punto in cui si sdoppia. Si procede nel solco di destra accanto al torrente su di un ponte e, seguendo segni pitturati a minio su sfasciumi e gande, si guadagna il dosso ed il bivacco A. e S. Caldarini.

Traversate

Alla Capanna Dosde si ridiscende ai resti della Baita del Pastore, sempre per il fondo della Val Cantone di Dosde, se ne raggiunge la testa da dove si sale l'ampia sponda di sfasciumi in direzione S e per un avvallamento di pietrame, tra le pendici della cima di Saoseo e quella della cima Viola, si guadagna il passo e la Capanna Dosde a 2824 m.

Ascensioni

Cima Viola 3374 m. - facile ore 3,30
Seguire l'itinerario per Capanna Dosde; dalla Capanna si sale per le rocce della cresta occidentale e si raggiunge il manto nevoso. Si piega a sinistra, si attraversa una porzione del contrafforte che scende in Val Cantone di Dosde; ci si arrampica per il contrafforte e si raggiunge la parte superiore della parete occidentale. Si prosegue per il ghiacciaio e, giunti ad una spaccatura, si sale direttamente alla vetta, una delle più elevate della zona che offre uno splendido panorama sui monti circostanti e particolarmente interessanti verso i più vasti complessi dei gruppi Bernina e Ortles.

Cima Saoseo 3265 m. - facile ore 3,15
Seguire l'itinerario precedente per la Capanna Dosde. Poi si sale per la ganda che ricopre la cresta orientale della quota 3056 m. che si erge con un ardito torrione. Si aggira il torrione sui lati, sia portandosi a destra della vedretta, o su ciò che rimane di essa, sia percorrendo a sinistra una facile cengia. In seguito si procede su di un comodo dosso nevoso e per esso si guadagna la vetta, che offre un magnifico panorama sul gruppo del Bernina e della Valle Grosina.

Pizzo Dosde 3280 m. - media difficoltà ore 3
Si scende alla diroccata Baita del pastore e, procedendo nel fianco destro della Val Cantone, si arriva alla morena frontale della vedretta di Dosde. La si attraversa a sinistra, indi si rimonta la vedretta omonima attenendosi al suo lato orientale per evitare le crepacce. In seguito si attacca uno spiazzo morenico; di qui per pendii erbosi, per cenge, per camini e per altri gradini rocciosi, si giunge ad un largo canalone ghiacciato. Si attraversa e, continuando a sinistra della parete, si raggiunge la vetta. Bellissima è la vista sulle cime di Lago Spalmo, Saoseo e Corno Dosde.

Joomla Templates - by Joomlage.com